I laboratori

Il libro è il pretesto necessario, le parole e le immagini attivano il meccanismo della fantasia, della curiosità, della conoscenza, meccanismo che è anche alla base del lavoro teatrale.  Il teatro non è solo finzione, ma si pone come strumento educativo: attraverso il gioco si trasmettono principi quali l’attenzione ai compagni, l’ascolto reciproco, il sostegno.

Il laboratorio propone un’interazione fra il libro e il teatro usando come punto di contatto ciò che nei bambini esiste già nella sua forma più autentica: il gioco. Attraverso l’improvvisazione si lavora sulla libera espressione: così il bambino sperimenta le proprie sensazioni, le emozioni e la relazione con gli altri traducendoli nel linguaggio del corpo.

Il lavoro si divide in tre fasi

  1. Costruzione dei personaggi e dell’ambientazione della storia
  2. Trama della storia
  3. Finale della storia e realizzazione del libro.

Il nostro progetto è incentrato sul tema dell’inclusione, e il suo obiettivo è quello di far lavorare le classi delle diverse province partecipanti in stretta collaborazione. Questo sarà reso possibile grazie a un meccanismo molto semplice, simile al passaparola, che noi abbiamo rinominato passalastoria, e consiste in un gioco di scambio: l’elaborato prodotto in ogni fase di lavoro da una classe sarà integrato e concluso da un’altra classe.

Il Progetto Sorrisi, propone un percorso che inizia con la lettura creativa del testo e la produzione di materiali artistici, quali disegni ed elaborati di scrittura creativa. Si proseguirà con i giochi d’improvvisazione teatrale, per trasformare il lavoro artistico degli allievi in una storia. Tutto si concluderà con la creazione di un e-book col supporto di un tecnico informatico, a disposizione degli alunni come guida durante tutte le fasi del processo di elaborazione. 

 

 

Fantasio presenta Giseppa nell'IC di Petrona'