Rassegna Stampa

Il Progetto Sorrisi dalla Calabria al Salone del Libro di Torino

Il progetto “Sorrisi” con la sua spumeggiante mascotte Fantàsio dalla Calabria al Salone del libro di Torino. L'iniziativa promossa dall'Associazione Fantàsia ha potuto godere di una prestigiosa vetrina nazionale grazie alla partecipazione degli operatori Leonardo Ruffo e Ninì Mazzei che, in veste di autori, hanno presentato ai bambini di alcune scuole primarie di Torino il libro “Giseppa e il fantasma pasticcione”, pubblicato dalla casa editrice catanzarese La Rondine. All’interno dello stand istituzionale della Regione Calabria, è stata presentata la favola di Halloween ispirata alle tradizioni popolari di Serra San Bruno sul giorno dei morti. Protagonista Giseppa, una bambina calabrese che emigra coi suoi semini di zucca esportando in America il rito del coccalu che oltreoceano prenderà il nome di Halloween.

                                                                                       

Il mondo dell’aldilà raccontato con leggerezza e allegria in una storia, sospesa tra realtà e fantasia, che rappresenta il frutto di una ricerca rivelatasi particolarmente affascinante. “Tra una visita alle chiese, all’antica Certosa e qualche fotografia scoperta nel cimitero di Serra San Bruno - hanno spiegato gli autori affiancati dall'editore Gianluca Lucia - abbiamo scoperto che il culto del giorno dei defunti ha in realtà radici assai familiari e vicini alla Calabria. La festa, celebrata in tutto il Meridione, sembrerebbe essere legata al rito della rinascita, il seme che dalla terra fa sorgere nuova vita”.

                                                                                        

La presentazione del libro al Salone di Torino ha rappresentato l’occasione per promuovere anche il “Progetto Sorrisi”, sostenuto dalla Regione Calabria nell’ambito della Legge per il diritto allo studio, che, giunto alla quinta edizione, coinvolge in attività di educazione alla lettura e scrittura creativa oltre cento bambini di cinque istituti comprensivi calabresi: l’IC “Don G. Maraziti” di Marcellinara (CZ), l’IC di Rogliano (CS), l’IC “Abate Fabio Di Bona” di Cutro (KR), l’IC “Giovanni Falcone – Paolo Borsellino” di Caulonia (RC) e l’IC “A. Tedeschi” di Serra San Bruno (VV). Grazie ad un percorso di laboratori in classe e attività e-learning sul portale www.progettosorrisi.it,  gli alunni sono stati chiamati a comporre tutti insieme una nuova storia collettiva, con le parole ed i personaggi partoriti dalla loro fantasia. I risultati saranno presentati a giugno alla cittadella regionale a Catanzaro alla presenza di tutti i bambini che, attraverso il gioco, hanno imparato i valori dell’ascolto e della condivisione.

Con il Progetto 'Sorrisi' gli istituti comprensivi calabresi danno vita ad una grande storia collettiva

La quarta edizione del Progetto “Sorrisi”, promosso dall’associazione Fantàsia, in collaborazione con la casa editrice catanzarese La Rondine, ha visto protagonisti i bambini degli Istituti Comprensivi di tutto il territorio calabrese. L’iniziativa è finalizzata a educare i più piccoli alla lettura attraverso il libro inteso come finestra aperta sul mondo e strumento ideale per la crescita cognitiva ed emotiva. Attraverso un percorso di laboratori basati sul gioco e l’improvvisazione creativa, i piccoli alunni sono stati chiamati a comporre una nuova storia collettiva, con le parole ed i personaggi partoriti dalla loro fantasia. Il progetto è stato ritenuto meritevole di sostegno da parte della Regione Calabria, nell’ambito delle attività finanziate dalla Legge regionale per il diritto allo studio, e ha coinvolto cinque istituti comprensivi per ciascuna provincia: l’IC “Don G. Maraziti” di Marcellinara (CZ), l’IC di Rogliano (CS), l’IC “Abate Fabio Di Bona” di Cutro (KR), l’IC “Giovanni Falcone – Paolo Borsellino” di Caulonia (RC) e l’IC “A. Tedeschi” di Serra San Bruno (VV).

CLICCA QUI PER SCARICARE LA RASSEGNA STAMPA